Nell’accingermi a scrivere il mio primo articolo su Matrika ho voluto richiamare in me quel tipo di energia particolare che mi ha connesso con Nadeshwari e Jerry quando mi hanno offerto questa possibilità.
Eravamo a Villa Vrindavan nel Chianti, soli, all’imbrunire, in un ampio spazio aperto dove energie specifiche e simili indossavano forme diverse nei nostri corpi di donna e di uomo, di giovane e di senior con un unico sguardo di ri-conoscimento….


Di mattina loro avevano partecipato a un gruppo di Ayurpsico da me condotto in cui ci eravamo “visti”.
Espressioni e modalità , colori e profumi diversi, ma un unico determinato intento.
…il sottile filo conduttore che unisce coloro che si dedicano a trasmettere ciò’ che hanno ricevuto …

Panorama da villa Vrindavan

Ed ora eccomi qui a dare una breve introduzione all’Ayurpsico1.

Dal primo giorno in cui adolescente sono entrata in una scuola per bambini allora denominati “ortofrenici” ad oggi ho cercato di cogliere il mistero dell‘essere su questo pianeta, di portare sollievo alle sofferenze mie e altrui per placare quello scomodo e prezioso richiamo interiore che da sempre mi accompagna.

A fine anni Settanta ho svolto un tirocinio di un anno all’Ospedale psichiatrico di Genova Quarto, quando c’erano ancora i letti di contenzione e le camicie di forza.
Lì ho realizzato tutti i limiti della formazione psicologica ricevuta all’università.
Con questo forte senso di impotenza e di non adesione all’identità professionale proposta dalle Istituzioni sono partita per il mio primo viaggio in India nel’81.

Questo avveniva in un’Italia pre-globalizzazione e in un’India pre-sviluppo economico: niente cellulari, internet … spesso niente corrente elettrica né acqua corrente…
Le Forze Celesti mi hanno mandato Maestri, Saggi e Rishi a ricordarmi da dove venivo e dove stavo andando nonostante e grazie ai vari ostacoli sulla via.
L’incontro ai piedi dell’Himalaya con Swami Ramanand Tirth, avvolto nel suo voto di Silenzio, ha segnato con gioia e determinazione tutti i passi successivi, scanditi da Yoga, Ayurveda e Psicosintesi, il cui intreccio ha dato vita ad un originale approccio integrativo finalizzato alla cura di corpo, mente e anima, da me denominato Ayurpsico.

Osservo il corpo, risultato dell’armonia tra i costituenti fisici che, modellato dal karma e dalle funzioni vitali, manifesta la sua costituzione.
Osservo la mente, quale continua alternanza di onde pensiero.
Osservo il temperamento, albero dalle profonde radici
Osservo il sé condizionato e molteplice, spesso straniero in casa sua.
Incontro il Sé e finalmente riposo nell’anima stessa

L’ Ayurpsico elabora il taglio psicologico ed esistenziale già presente nell’Ayurveda e nello Yoga grazie anche all’apporto della Scuola di pensiero transpersonale psiconsintetica.

Si tratta di un percorso di crescita personale che comprende, in maniera più fruibile alle menti occidentali, l’elaborazione dei contenuti mentali condizionati, che vanno alleggeriti e trasformati ai fini dell’evoluzione personale e quindi collettiva.
Ancora giovane esploratrice del senso della vita, mi fu posta una domanda, che ha innescato l’intenso lavoro di ricerca che negli anni ha portato alla formulazione di questo percorso.
Mi trovavo a Srinagar, la capitale del Kashmir, e avevo al collo una medaglietta rappresentate Krishna bambino. Un Sadhu, guardando la medaglietta mi chiese ripetutamente: “Chi è? sei tu?”
Ripetutamente io risposi: “Ma no! non vedi che è Krishna?” Fu allora che l’Universo mi fece pervenire la fatidica domanda. : “Ah ma se non sei tu, non vorresti sapere chi sei?”
“Chi sono?!” La domanda ardeva dentro di me da sempre e finalmente avevo incontrato una via di risposta: lo Yoga, via di autorealizzazione del Sé che riconosce l’universalità della Esperienza interiore, testimoniata da Saggi e Rishi di ogni tempo.

E’ così che nello Yoga ho formulato l’Ayurpsico, intorno al principio fondamentale della relazione tra l’anima individuata e quella universale o jivatma e Paramatma.
A tale fondamento filosofico, l’Ayurpsico affianca la comprensione dell’unicità di ogni individuo attraverso la scienza millenaria di vita che è l’Ayurveda. Unicità che si esprime nell’appartenenza a costituzioni fisiche e temperamentali, di cui conosce i naturali bisogni e le cause dei loro squilibri. E’ in questo campo che l’Ayurpsico si rivolge all’Ayurveda in quanto Via maestra di riequilibrio e di guarigione attraverso l’armonizzazione della danza dei Guna, dei Dosha e degli altri elementi costitutivi del corpo umano.
Attinge dai testi antichi ayurvedici l’eccelsa conoscenza dell’intero campo mentale e
si rivolge alla Psicosintesi che traduce in un chiaro linguaggio occidentale la stessa Saggezza dello Yoga e dell’Ayurveda, donando preziosi strumenti psicologici per
facilitare l’evoluzione dell’individuo. Basata sulla visione dell’animo molteplice e dei tre stadi evolutivi, conosci- possiedi-trasforma, si rivela assai preziosa nel processo di crescita personale.

l’Ayurpsico è dunque un percorso che si svolge sia in gruppo che in incontri individuali. E’ anche attivo un Master rivolto sia agli operatori del settore, sia a coloro che desiderano ampliare la loro formazione personale indipendentemente dall’attività svolta.
Pietra miliare del percorso è la qualità animica della Libertà, che man mano conferisce il coraggio di scegliere di essere chi veramente siamo.

Nell’esplorazione della propria unicità l’Ayurpsico utilizza anche laboratori di Nada Yoga e danza espressiva.

Desidero concludere con due frasi che esprimono in parole chiare l’Aspirazione che mi ha mosso nel formulare questo percorso di crescita personale .


“Servono persone dotate di saggezza e compassione che operino con modo e finalità altruistiche, non solo per alleviare la sofferenza, ma per risvegliare sé stessi e gli altri.” (R. Walsh)
“Che tutti coloro che amano veramente i loro fratelli e sentono l’urgere della compassione, si accingano con decisa volontà a liberarsi per liberare”.( R. Assagioli)

1Ayurpsico® è un metodo il cui marchio è registrato.

Letizia Vercellotti

 drlaeji@gmail.com

www.letiziavercellotti.eu