Viviamo in tempi di eccezionale abbondanza spirituale.

Senza prendere alcun voto spirituale o ricevendo una singola iniziazione, abbiamo a portata di mano molti più strumenti spirituali, insegnamenti e pratiche di quanti ne siano mai stati disponibili per qualsiasi gruppo di persone, in qualsiasi momento della storia umana.

Eppure, nonostante questa abbondanza, non è mai stato più difficile avere un discernimento spirituale, o andare oltre le promesse superficiali del consumismo spirituale che pervade la cultura popolare – e impegnarsi profondamente nel nostro unico e vivente percorso di risveglio. Incoraggiati dalle mode del nostro tempo, cerchiamo vendite spirituali e soluzioni rapide.

Vogliamo sapere quel Segreto che ci metterà sulla strada giusta verso l’illuminazione e assecondare ogni capriccio del nostro ego mentre lo fa. Potremmo persino credere che se diventiamo abbastanza spirituali, ci sarà magicamente garantita un’eccezione dalla realtà della condizione umana, saremo meno inclini alla perdita, al dolore e alla delusione di una vita umana normale.

Guidati da un divertente errore di calcolo, ci aspettiamo di essere salvati dal risveglio, credendo erroneamente che, mentre iniziamo a vivere  vite più spirituali, ignoreremo le difficoltà di vivere la vita da essere umano.

Ma per ironia della sorte, mentre la nostra intuizione spirituale aumenta, accade proprio il contrario. Mentre maturiamo spiritualmente, il divario tra lo spirituale e l’ordinario comincia a scomparire – naturalmente continuiamo a sperimentare le sfide, ma non rimproveriamo più questa limitazione umana. Smettiamo di cercare di essere speciali e iniziamo a mostrarci come siamo; smettiamo di cercare di manipolare la realtà per essere come vogliamo, invece di approfondire la nostra intimità con la vita, così com’è.

Mentre abbandoniamo la nostra agenda spirituale e abbracciamo la nostra frattura umana, paradossalmente il giudizio di sé si placa; l’auto-miglioramento lascia il posto all’accettazione, alla certezza del mistero. In definitiva, non importa quanti libri leggiamo, i seminari a cui partecipiamo o le esperienze culminanti che abbiamo alle nostre spalle, la crescita spirituale non è una strategia di vita, non è il gioco di acquisire sempre più doni spirituali, intuizioni o riconoscimenti. Piuttosto, è un processo lento, intimo, vulnerabile di disfacimento, un lasciarsi andare e arrendersi che si spalanca dinanzi a noi. Questa apertura è dove la magia accade.

Quindi qui ci sono cinque strategie di vita spirituale, o meglio, delle non strategie per le nostre anime in risveglio.

Pronto?

 

1.”La più alta forma di saggezza è la gentilezza”. Il Talmud

Si verifica una grande trasformazione quando iniziamo a coltivare un atteggiamento di incrollabile gentilezza. Gentilezza anche nei confronti delle parti più scomode di noi stessi. È solo attraverso gli occhi della gentilezza che siamo in grado di vedere veramente, che siamo in grado di riconoscere la preziosità di tutte le sfumature della vita e di coltivare il vero amore per se stessi e gli altri. Scegliendo la gentilezza, onoriamo la forma più diretta e più elevata di saggezza: la saggezza del cuore. Perché il cuore accetta tutto così com’è. Non conosce il giudizio, non richiede miglioramenti, tiene tutto caro. Quando cediamo a questa accettazione radicale, la vita recupera la sua innata dignità. Rilascia la pressione di chiedere che le cose cambino, e improvvisamente tutto è reso libero di muoversi naturalmente nella direzione della totalità. Ma la vera bontà non è per i deboli di cuore. È una ribellione spirituale che inizia sempre con il Sé. Trasforma l’auto-crudeltà. Silenzia i commercianti di auto-miglioramento. Tira via tutte le icone di divinità e di uomini dalle pareti e appendi uno specchio. Qualunque sia l’idolo di un te migliore che hai posto sul tuo altare, fallo subito. Lasciati entrare nel tuo santo dei santi esattamente come sei. Cadi nelle tue stesse braccia e non lasciarti mai andare. Incredibilmente, è solo quando entriamo pienamente nei nostri cuori e offriamo la nostra gentilezza a noi stessi che può naturalmente iniziare a scorrere verso tutti gli altri. Quando ti senti perso, sopraffatto, arrabbiato o frustrato, che si tratti di vergogna, colpa o paura, riconosci semplicemente la tua esperienza, lascia perdere l’auto-giudizio e, indipendentemente dalla natura del tuo dolore, sii gentile.

2. “Segui la tua beatitudine e, dove c’erano solo muri, le porte si apriranno.” ~ Joseph Campbell

C’è solo un comandamento: impegnarsi nel proprio Sé. Fa si che seguire la voce della tua anima sia la tua unica fede. Questa è la voce della Divinità Vivente. Finché non entriamo in questa alleanza finale, siamo spinti dai venti del karma, il nostro vero scopo sarà soffocato dal rumore di intenzioni separate. L’unico impegno, la devozione più profonda, il nostro ultimo matrimonio spirituale si rivela essere con noi stessi prima di tutto. Questo è ciò che si intende entrando nel nostro Dharma, il nostro servizio nel mondo. Per risvegliare e servire, dobbiamo prima prendere l’ultimo atto di fede nelle nostre stesse braccia. Un punto di svolta in ogni vita arriva quando iniziamo a riorientare le nostre vite verso il nostro vero Nord. Spesso tale momento è preceduto da una notte oscura dell’anima, quando tutto comincia a crollare, quando le nostre storie su noi stessi non possono più resistere, quando i nostri piani e le nostre speranze giacciono a terra e i nostri arsenali di strumenti di trasformazione e idee spirituali non ci portano più rifugio.

Poiché tutto ciò che sapevamo va a pezzi, iniziamo ad ascoltare più profondamente la voce ancora piccola dentro di noi. È così che il vero Nord comincia a rivelarsi. Perché la voce ancora piccola parla nella lingua del desiderio dell’anima. Ciò che più desideri fare è una mappa del tesoro per la tua anima. Quel sogno, tenuto saldamente nella camera più segreta del tuo cuore, è un’eco del desiderio della vita.

In questo momento, prendi l’impegno di seguire la tua felicità, e non fare errori, le porte si apriranno. Devi attraversarle.

3. “Essere completamente vivi, completamente umani e completamente svegli è essere continuamente cacciati dal nido.” ~ Pema Chödrön

In un mondo ossessionato dalla certezza, dalla sicurezza e dalla personalità, trascorriamo le nostre vite cercando di mantenere ciò che sappiamo, ciò che abbiamo e ciò che siamo. E mentre ciò si svolge nelle arene del mercato spirituale, potrebbe sembrare che l’intera impresa di crescita spirituale sia un progetto per arrivare a una situazione più ideale. Tuttavia, mentre il nostro percorso si sviluppa, tutto ciò che speriamo di ricevere attraverso i nostri sforzi inizia effettivamente a sgretolarsi. Ogni volta che pensiamo di essere arrivati ​​a destinazione, che abbiamo finalmente trovato un rifugio permanente, il terreno sotto di noi si muove di nuovo e noi siamo gettati ancora una volta fuori dal nido che abbiamo costruito attraverso i nostri più sinceri sforzi spirituali.

E anche se in un primo momento vediamo tali cadute come segni di fallimento, alla fine ci rendiamo conto che questa perpetua dislocazione è in realtà un segno dell’abbraccio della vita. Mentre la coscienza sorge, come Giacobbe che lotta con l’angelo, veniamo perennemente dislocati, e quindi perpetuamente benedetti. Mentre ci arrendiamo alla danza del risveglio, smettiamo di cercare di afferrare la sicurezza di ciò che sappiamo e di chi siamo, delle intuizioni che sembrano così solide e profonde per un periodo. E mentre la vita si allunga, il nostro rapporto con il disagio cambia. Per una persona che osserva un seme, la crescita potrebbe sembrare un disastro, con tutte le sue rotture e rivoluzioni verso l’esterno – che segnalano la morte del seme. Coloro che conoscono la crescita intimamente, tuttavia, vedono questa come la brillante saggezza della vita. Sebbene sia completamente distrutta, è solo attraverso una tale apertura che la ghianda potrebbe diventare la quercia. Disagio, dolore e difficoltà spesso accompagnano anche la nostra stessa germinazione spirituale. Dopo tutto, siamo stati piantati nel nostro stesso terreno di esistenza e dobbiamo aprirci per crescere. Alla fine, tutto ci sta muovendo nella direzione della totalità. Alla fine, abbiamo già in noi il progetto per il risveglio. Abbi fiducia nella tua natura di Buddha – sei già ciò che cerchi.

4. “Sii te stesso. A meno che tu non possa essere un unicorno, in tal caso, dovresti sempre essere un unicorno. “~ Elle Lothlorien, Alice in Wonderland

Sii un unicorno. Il tuo cerchio non è pensato per adattarsi al piolo quadrato di qualcun altro; il tuo cerchio è una totalità senza una periferia. Siamo usualmente nati in mondi rigidi e pieni di regole rigide, dove fin dall’inizio ci si aspetta che siamo tutto tranne quello che siamo. Scostarsi da aspettative limitate è raramente sicuro e impariamo rapidamente ad adattarci ai nostri ambienti, alle norme culturali e alle richieste sociali, intorpidendo il dolore del tradimento di sé fino a quando non possiamo più distinguere tra chi siamo e chi dovremmo essere per sopravvivere e avere successo. A buona ragione, siamo molto interessati a noi stessi e costruiamo le nostre vite per migliorare e proteggere la nostra identità faticosamente conquistata.

Lascia andare quel piccolo sé. Rilascialo nel paese delle meraviglie. Invece, sii un unicorno. La tua stessa vitalità più selvaggia e incondizionata.

Chi saresti se non avessi bisogno di sopravvivere nel mondo reale? Se tu non avessi bisogno dell’approvazione o dell’accettazione di nessuno? Se non avessi avuto bisogno di distinguerti e di adattarti in qualche modo al mondo esterno? Cosa faresti con la tua vita, cosa staresti creando? L’obiettivo finale del viaggio spirituale è in realtà quello di bruciare il falso sé, di smettere di identificarsi con la nostra storia e di ricordare il nostro volto originale. È il volto della libertà. Sei nato da stelle e ritornerai a loro. Sei troppo vasto per entrare nella stretta scatola di strutture, norme e aspettative esistenti. Sei qui per far nascere una Nuova Terra. Quale visione selvaggia sta invocando il tuo cuore? Lascia che la tua differenza illumini il mondo. È in assoluta integrità con la tua stessa anima che puoi iniziare a offrire i tuoi doni unici al mondo. E il mondo risponderà in modo gentile.

5. “I tempi difficili richiedono danze furibonde.” ~ Alice Walker

Anche se sembra intuitivo assumere che il vero punto del processo spirituale sia trascendere il corpo in uno stato mistico più elevato, in realtà la parte più vitale del viaggio spirituale è di fatto diventare completamente incarnata nelle nostre vite umane. Incarnare è il nome del gioco e la danza è il modo più diretto per incarnare la nostra anima. In poche parole, ci risvegliamo nei nostri corpi, non da loro. La danza risveglierà la tua Shakti, rinvigorirà i tuoi sensi, evocherà la tua anima. Non c’è da meravigliarsi se è da tempo immemorabile che per celebrare, adorare e partecipare a rituali sacri le persone si riuniscano per danzare. Sfortunatamente, nel nostro disincantato mondo moderno, a parte le discoteche di ubriachi, abbiamo poche opportunità di riunirci in comunità e sperimentare la libertà e la connessione di guarigione della tribù.

Fortunatamente, la danza sta tornando con furia. Risvegliando il mondo intero, tribù di ballerini agitatori di anime sono sorte in comunità di movimenti coscienti in tutto il pianeta. Sia che si tratti di danza estatica, Contact jam session o i 5 Ritmi; sia con un amico, che in un corso di danza o con i tuoi figli. Qualunque sia la tua forma o il tuo stile, trova un modo per entrare in contatto con altre anime e unirti alla danza. Ballare in una tribù prescelta ti rapirà dall’impotenza, libererà energia stagnante, sbloccherà le fitte dell’isolamento e aprirà il tuo cuore al contatto, in quanto ha desiderato ardentemente essere aperto per troppo tempo.

Soprattutto quando i tempi si fanno difficili, alzati, arrenditi e balla. Lascia che la vita ti danzi e lascia che la danza sia una parte della tua vita.

Vera de Chalambert

www.healingawakening.com

Salva