Ci siamo fermati? No. Forse, continuano a muoversi pensieri nelle nostre menti e continuiamo ad identificarci con essi.

…La fame, la rabbia, il sonno, la gioia, la potenza, la paura, l’imperturbabilità, la fatica, l’equanimità, la morte, l’amore, la vita… Sembrerebbe che continuino ad affiorare emozioni ed impulsi e Noi continuiamo ad essere agiti da quelli.

Mentre i ghiacci continuano inesorabilmente il loro scioglimento e la Terra brucia all’aumentare continuo delle temperature, non è stata una scienziata geniale o un eminente politico, non è stata l’ormai venerata tecnologia e le sue intelligenze artificiali o un onda di coraggiosi giovani rivoluzionari a disinnescare l’ordigno mortale che chiamiamo progresso.

Un virus.

Manifestazioni primigenie della natura che da millenni interagiscono con le altre forme di vita partecipando a mantenere gli equilibri tra gli elementi, l’organico e l’inorganico, le specie, il pianeta, il sistema solare, le galassie…

Noi.

Il vuoto e la vibrazione, il silenzio e il suono.

La “coscienza”, parola dall’etimo latino in cui “cum”, che allude ad un insieme, si lega a “scio”,  sapere…

Di cosa sa in ogni istante ciò che ti alimenta davvero?

Che sapore ha la vita quando gran parte delle certezze della mente iniziano a vacillare?

 

 

Matrika – Consciousness Development è un’esperienza di dialogo transculturale.

Rivista on line n°9 – Anno V – Primo Semestrale 2020

Attività redazionale: Jerry Diamanti, Nadeshwari Joythimayananda

Editing: Jerry Diamanti

Web Design: Dr.9 Alberto Paolucci

Immagine di copertina: foto di Nadeshwari Joythimayananda

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno donato tempo e saperi per un altro comune passaggio  dalla competizione alla condivisione, dal profitto al dono.

Attività no profit

Le immagini utilizzate per accompagnare gli articoli sono state scelte dal sito unsplash.com o tratte dal web. Siamo a disposizione degli autori qualora ne richiedessero i crediti ed eventualmente a toglierle qualora soggette a copyright.

 

 

 

 

 

la “coscienza”, parola dall’etimo latino in cui “cum”, che allude ad un insieme, si lega a “scio”, il sapere.