• copertina matrika 3 page

Introduzione a MATRIKA n. 3

“Dal Presente”

Dal presente petali bianchi in cielo, vento forte, il ritmo dei semafori, dita veloci che scorrono su schermi, respiri corti, stare davanti a un computer senza sapere il perché, fibrillazioni digitali, autostrade sinaptiche per […]

  • grandmothers_hi

L’ultimo Cerchio delle “13th Grandmothers”

Un ultimo cerchio…
Un ultimo grande cerchio prima di lasciare spazio al nuovo, ai nuovi incontri, ad altri cerchi composti da altre donne, altri uomini, giovani, anziani, bambini.
Non una conclusione ma un passaggio, da testimone a testimone, dopo molti anni di intenso viaggiare, portando in dono semi di conoscenza, antica saggezza ed esperienza di vita. […]

  • IMG_3267

Il grande gesto

Il principio vivente

Che ci faccio qui?

La domanda per eccellenza. La domanda con la quale molti di noi si rovinano la vita. Chi ignorandola e vivendo in modo superficiale dominato dalle passioni della necessità, chi ripetendola dentro di sé ossessivamente senza trovare una risposta e sentendosi per questo infelice, insoddisfatto, fuori posto, chi trovando risposte di comodo, prese a prestito dalla cultura di riferimento, da un credo religioso o politico, chi credendo di potersi permettere il lusso di ignorarla.

[…]

  • farfalla Thea

Mantieni un tocco leggero in tutto quello che fai

Mantieni un tocco leggero in tutto ciò che fai, come il volo di una farfalla o una brezza estiva. Che differenza farebbe, non solo per te, ma anche per chi ti sta intorno.
Eileen Caddy – Il mio volo verso la libertà […]

  • 20170121_100344

Meditazione, differenze tra Dhyana e Dharana

“Chiudi gli occhi ed aspetta” questo diceva un insegnante di meditazione ad un suo allievo. Di fatto era un invito a schiacciare un pisolino! E questo succede perché sull’argomento c’è molta confusione e disinformazione.

La meditazione, traduzione approssimativa del sanscrito “dhyana”, viene così definita da Sw. Satyananda, fondatore della Bihar School of Yoga, nel suo commento agli Yoga Sutra di Patanjali:” è semplicemente un’estensione di dharana. Sorge quando si è capaci di mantenere un calmo, omogeneo flusso di concentrazione sul proprio simbolo interiore per un certo periodo di tempo”.

[…]

  • mandala-biologia-da-dentro

Mente, cervello e autoregolazione corporea

 
Verso la meraviglia…Principi integrativi di base per attingere all’eredità evolutiva della nostra specie.

“Il corpo è un mandala. Se vi si guarda dentro ci si accorge che è una fonte inesauribile di rivelazione”                                                                                                                                                                                                                                            lama Tsamp Ngawang

Un nome scritto da qualche parte, una data di nascita, sontuosi pensieri che affiorano… e scompaiono. Siamo qualche miliardo di cellule, elementi biologici ben più numerosi delle stelle della via Lattea, la vasta galassia luminosa che ci ospita.

[…]

  • 9fd9gluuv5k-sergio-rola

La porta alle metodologie: dolci o catartiche?

Il linguaggio del corpo

Esistere, vivere con le proprie potenzialità, è l’anelito e il fine che ciascuno di noi persegue: la vita piena è il nostro diritto, essere, non sopravvivere.

Cerchiamo relazioni, terapie, contesti che ci consentano di liberarci di quelle esperienze passate che ci trattengono nella paura e che si sono attivate quando abbiamo sentito la nostra vita in estremo pericolo: ma la vita non dovrebbe essere un problema da risolvere, e il lavoro profondo di ogni terapia dovrebbe includere un’ampia prospettiva di riconnessione con l’Esistenza.

[…]

  • METODO FELDENKRAIS

L’ovvio elusivo

Un viaggio nella realtà che conduce oltre
“L’ovvio è elusivo. La familiarità con cose, azioni e nozioni le rende ovvie e quindi sfuggenti. La familiarità col nostro corpo rende la maggior parte delle nozioni che abbiamo su di lui ovvie. Vorrei dire che proprio ciò che è ovvio contiene tutta la nostra ignoranza scientifica e ha più bisogno di una comprensione fondamentale e di un nuovo apprendimento.”

Queste parole sono tratte da un libro scritto nel 1981 da Moshe Feldenkrais, ingegnere e matematico russo, fondatore di un approccio psicocorporeo che porta il suo nome e che oggi è diffuso in tutto il mondo.

[…]

  • kosha

Ayurpsico

Nell’accingermi a scrivere il mio primo articolo su Matrika ho voluto richiamare in me quel tipo di energia particolare che mi ha connesso con Nadeshwari e Jerry quando mi hanno offerto questa possibilità.
Eravamo a Villa Vrindavan nel Chianti, soli, all’imbrunire, in un ampio spazio aperto dove energie specifiche e simili indossavano forme diverse nei nostri corpi di donna e di uomo, di giovane e di senior con un unico sguardo di ri-conoscimento….

[…]

  • IMG_3144

Due esseri completi, l’uno di fronte all’altra

Una sessualità sacra non è possibile se non nel rispetto dell’uomo e della donna nella loro interezza, nell’integrazione delle loro differenze e nel riconoscimento della saggezza del corpo. […]

  • thea

Il Respiro dell’Anima

Guarire le ferite più profonde con la Respirazione Olotropica e gli stati non ordinari di coscienza

“….E la fine di tutto il nostro esplorare
Sarà arrivare dove siamo partiti
E conoscere quel luogo per la prima volta”
T.S.Eliot, I quattro Quartetti

“Una trasformazione interiore radicale e l’emergere di un nuovo livello di coscienza potrebbero essere l’unica reale speranza che abbiamo nell’attuale crisi globale provocata dal predominio del paradigma meccanicistico Occidentale.”
Stanislav Grof

[…]

  • nasa-45069

Una danza tra spirito e corpo: intervista a Dominique Dègranges

Paola Battocchio e Nadeshwari Joythimayananda hanno incontrato Dominique Dègranges a Milano una sera dello scorso inverno, durante uno dei momenti conviviali di pausa dall’insegnamento, al corso di formazione “Laboratorio Prenatale e della Nascita”.

[…]