Abbiamo conosciuto Emiliano lo scorso Autunno, ha avuto infatti la gentilezza di mettere a disposizione la sua arte e la sua musica nel contesto di un incontro tra donne tenutosi a Milano e organizzato dall`associazione “La grande via”. Ci ha accompagnato durante la giornata in diversi viaggi di ascolto e movimento, in noi e tra di noi, creando uno spazio di riconciliazione tra corpo, mente e musica

Ecco una presentazione e un assaggio della sua ricerca sonora nei meandri della vita:

“Mi presento: mi chiamo Emiliano Toso, e sono un musicista compositore e biologo cellulare molto vicino alle nuove prospettive di salute offerte dagli studi di epigenetica; la parola è complessa ma il concetto è semplice: l’epigenetica è la scienza che studia come ciò in cui crediamo crea ciò che siamo.

Translational Music è una mia creazione, che nasce dall’integrazione di tutti gli elementi che hanno aiutato il mio percorso di crescita: la scienza in primo luogo (come ho già detto sono un biologo molecolare), e poi la ricerca sulla spiritualità attraverso l’esplorazione di campi e tecniche come Reiki, cristalli e sciamanesimo.

Nel 2013 il mio percorso di crescita e l’integrazione di questi elementi hanno portato alla nascita del progetto “Translational Music®”, con il supporto e l’approvazione del Dott. Bruce Lipton, con cui collaboro. Translational Music® apre le conferenze europee di Gregg Braden, Neale Donald Walsch e Bruce Lipton.

La musica che compongo è dettata dagli stati emozionali profondi che vivo. Il logo di Translational Music® rappresenta questo concetto: un mare di cellule sotto un cielo di musica.

Le mie composizioni al pianoforte traducono vibrazioni universali favorendo il benessere fisico, emozionale e spirituale, il rilassamento, la meditazione, il sonno, la creatività, l’espressione di emozioni profonde.
Questa musica è utilizzata in centri yogacentri olistici e scuole, da scrittori e artisti per espandere la creatività e la concentrazione, da medici e dentisti per diminuire il dolore e lo stress nei pazienti.”