About nade diamanti

This author has not yet filled in any details.
So far has created 232 blog entries.

Accettare la morte per continuare a vivere

La nostra vita è “in pericolo” dal giorno in cui siamo nati.
La morte é parte della vita, é cambiamento ed evoluzione, senza la morte non esiste la vita. All’interno del nostro stesso corpo cellule nuove nascono e muoiono continuamente ed é questo che ci permette di continuare a vivere, se così non fosse, se le […]

”Ancora Umane” – Introduzione a Matrika Consciousness Development n°12

La luce e l’oscurità, figlie di una stella, in equilibrio tra loro nella primordiale danza tra la notte e il giorno, da milioni di anni hanno reso possibile la meravigliosa biodiversità nel pianeta azzurro. Di inimmaginabili forme e colori, esseri viventi in interminabili cicli di trasformazione, nascita e morte, evoluzione ed estinzione… Tra questi, al momento, anche noi umane.
Che ci nutriamo di fiducia, gentilezza, presenza, oltre che di cibo ed acqua. Che amiamo la nostra fragilità, le nostre debolezze, i nostri sbagli.
Che viviamo di intese, affinità, conflitti e riconciliazioni.
Non abbiamo bisogno di essere scienziate però, per comprendere che oggi qualcosa dentro ed intorno a noi sta cambiando, e molto, molto più rapidamente di quanto possiamo comprendere.
Gli ecologisti affermano che siamo oggi protagonisti della Sesta grande Estinzione nella storia della Terra.
E chi si occupa di biologia evolutiva, allora, inizia seriamente ad avere qualche dubbio sul senso della nostra specie, su come si è sviluppato ed utilizziamo l’organo apicale del nostro sistema nervoso, il cervello. Altri semplicemente continuano a fare affari, monetizzare, ridurre a profitto.
[…]

Esiste solo adesso

Amico
esiste solo l’adesso
e come abiti questo momento
Non c’è nient’altro che il presente
e come ti accordi con esso
[…]

La forma dell’acqua

Mi viene in mente una poesia sussurrata da una persona innamorata più di cento anni fa…
“Incapace di percepire la tua forma ti trovo ovunque intorno a me. La tua presenza mi riempie gli occhi con il tuo amore. Fa piccolo il mio cuore perché io possa raggiungerti ovunque”
(dal film “La forma dell’Acqua”)
Amore e Acqua sono le cose più malleabili e potenti dell’Universo. Acqua che nutre, cura, pulisce, trattiene e rilascia. Rinfrescante e ghiacciata, gentile e forte, cristallina e opaca, fluida, immobile, stagnante. Ora in forma di vapore ora ghiaccio…
[…]

La Pandemia emozionale (e possibili soluzioni)

“Fatti non foste per viver  come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza”. Dante Alighieri
Sinceramente non pensavo saremmo arrivati a questo punto, le contraddizioni in seno alla società stanno esplodendo, grazie a questa pandemia. I professionisti sanitari, quali io sono in quanto medico da quarant’anni, sono obbligati a vaccinarsi pena la sospensione dall’ordine, presto l’obbligo verrà esteso a un numero sempre maggiore di categorie.
Ogni osservatore attento può facilmente riconoscere che ci sono due posizioni e diverse sfumature tra le quali alcune estreme e perverse.
Lasciando fuori le teste e le code, come per fare la buona grappa, cioè trascurando per il momento gli scientisti, scettici ad ogni costo, i negazionisti dogmatici e approssimativi per vocazione, possiamo ridurci ad individuare chi, per diversi motivi vuole vaccinarsi, i più e chi per ragioni spesso opposte non lo vuole. Il buon senso direbbe che le due fazioni dovrebbero imparare a rispettarsi a vicenda, in un mondo post-moderno dominato dal pensiero post-razionale. E invece no.
Questa mia argomentazione vuole illustrare l’ipotesi di una pandemia ben più grave che colpisce l’essere umano, tanto più grave quanto non vista: la pandemia emotiva.
[…]

La spiritualità delle donne nel Paleolitico e la sua rilevanza per noi oggi

In questo articolo, contemplo la spiritualità delle donne paleolitiche come si evince dalla loro arte. Sento che ci stanno raggiungendo oggi attraverso un’arco di circa 30.000 anni, per raccontarci la loro storia che potrebbe aiutarci a trovare l’orientamento che è così necessario in una società che ha perso il contatto con il mistero, che è proprio nel cuore di tutto ciò, non importa quale nome ci preoccupiamo di dargli. Comunque, l’enigma, come  sentiva così chiaramente Santa Teresa, ha bisogno di essere sentito personalmente. Per lei non era un mistero astratto, ma ciò che ci porta oltre le apparenze e ci fa dubitare se non sia Dio ad essere nascosto dentro di noi? Era normale per Teresa considerare il mistero come Dio, ma potrebbe essere ugualmente normale per altri  pensare all’enigma come all’Universale o la Grande Madre, lo Spirito, o qualsiasi altro nome per questa ‘entità’ che è sia immanente alla creazione e allo stesso tempo trascendente e al di là delle dualità e di tutte le definizioni.
Dal punto di vista qui contemplato, stiamo considerando un cammino dove si vive il mistero, che vibra attraverso di noi, ed è ciò che anima ogni cellula del nostro corpo e, allo stesso tempo, è oltre il mondo materiale.
Noi, in quanto tali, siamo un’incarnazione di questo mistero vivente. […]

Oltre la paura

J – Avete mai vissuto la meditazione?

E – Sì avevo iniziato ma poi ho smesso.

J –  Come mai?

E – Perchè ho paura di scoprire ciò che c’è dentro di me.

[…]

Le resistenti e i resistenti

Gli eventi del 2020 hanno costretto tutti noi a rivedere il senso di alcune parole utilizzate, a volte, con incuria; una di queste è “Resistenza”. Ivano Dionigi ci avverte del rischio di scambiare le parole con vocaboli (parole inanimate) e di confondere la parola con il mezzo di comunicazione. La parola è materia prima, come carbone e ferro, la parola è corposa, consistente, tangibile e ci appartiene. La parola dovrebbe essere usata con cura e con la stessa cura, dovrebbe essere ascoltata. Nella prefazione del testo di Dionigi Gianfranco Ravasi scrive: ”Ci sono voci che, resistendo al tempo, aiutano ad alimentare una nuova speranza nonostante la crisi”.  (Dionigi, 2021)
[…]

Oṁ: suono, coscienza, vibrazione.

Quando negli anni sessanta l’Oṁ si è abbondantemente diffuso in occidente, esso appariva ad americani ed europeicome il simbolo di una cultura lontana, per alcuni esotica e al tempo stesso inspiegabilmente familiare, quella indiana.
Lo si trovava nelle canzoni dei Beatles, aerografato sui pulmini degli Hippies; cantato, disegnato e sfoggiato come uno stendardo. Se pur tale era il suo utilizzo in occidente, tuttavia non si limitava (come poteva sembrare) a rappresentare un contesto sociale di appartenenza: l’Oṁ era piuttosto il simbolo di una direzione comune, un percorso verso un nonluogo universale e al tempo stesso intimamente interiore, che si fa strada nello spazio-tempo incantandone le spire con il suo cosmico, onnipervasivo suono.
[…]

L’oppressione incarnata: intersezioni delle dimensioni del trauma, dell’oppressione e della psicologia somatica

Attraverso l’indagine  narrativa somatica, questo studio indaga le esperienze incarnate vissute e le comprensioni di individui che si identificano come oppressi. Esplora l’impatto somatico della loro oppressione – come incarnano le condizioni sociali oppressive attraverso le loro interazioni non verbali e il modo in cui l’oppressione influisce sul loro rapporto con il proprio corpo. Le narrazioni dei partecipanti suggeriscono che esiste una relazione tra il somatico, gli effetti del trauma, le risposte incarnate all’oppressione e che il corpo è un’importante fonte di conoscenza e potere nel risolvere l’impronta traumatica dell’oppressione. Queste nuove intuizioni sono collegate ai settori in via di sviluppo della psicologia somatica, della traumatologia e delle implicazioni per il lavoro sulla diversità discusse nella psicoterapia corporea.
[…]

Il cammino polivagale e la sicurezza

“Una condivisione teorico/ esperienziale per crescere insieme”
Nel marzo 2020 come tutti noi sono stata investita dall’onda lunga e del tutto inaspettata della pandemia da Covid 19.
Sono rimasta attonita, disorientata e confusa per diversi mesi, ma ciò che in particolare mi ha toccato profondamente è stato percepire la paura e l’incapacità di affrontare l’incertezza che di fatto è il colore quotidiano del nostro essere mortali.
A differenza dei contesti oncologici in cui opero da anni come trauma-counselor , questa paura che mi arrivava da clienti, colleghi e conoscenti era come un respiro presente e affannoso , distribuito senza distinzioni di competenze e di professionalità tra tutti, chi più chi meno, e isolarsi e proteggersi in realtà non dava pace a quell’affanno. Al contrario sembrava spegnere il fuoco della minaccia esterna ma contemporaneamente spegneva l’energia vitale interna .
[…]

Razzializzazione, dal trauma al privilegio

La razzializzazione è il processo attraverso il quale un gruppo dominante attribuisce caratteristiche razziali disumanizzanti e inferiorizzanti nei confronti di un individuo, una comunità o una cultura attraverso forme di oppressione, esclusione e violenza diretta.
E’ spesso radicata così profondamente a livello sistemico da essere in modo ambiguo o dichiarato, parte fondante delle legislazioni e delle strutture istituzionali, producendo condizioni di emarginazione e sfuttamento al fine di mantenere e consolidare determinate forme di potere.
L’impulso di controllare, dominare e sopraffarre, alla base di tale fenomeno di discriminazione, potrebbe essere solo uno degli infiniti modi in cui l’essere umano ha tentato di alleviare il profondo senso d’incertezza che colora ogni istante della vita. Oppure potrebbe compensare, a livello più profondo, l’eredità primordiale di una specie vissuta migliaia di anni in mezzo agli altri animali, incarnando contemporaneamente gli impulsi di predatrice e preda, o il terrore dei traumi relazionali trasmessi fino a noi dalle aberrazioni delle civiltà fondate sul patriarcato e sulla guerra.
[…]

Lunar Detox

Una volta al mese nel nostro viaggio di Donna, per qualche decina di anni, abbiamo il sangue come meraviglioso veicolo per lasciare andare situazioni, emozioni e densità. Allo stesso modo, dalle tradizioni ancestrali ci arriva l’insegnamento di prenderci cura del nostro corpo fisico, sottile ed emotivo in maniera persistente e amorevole due volte all’anno per facilitare un cambiamento che è in atto in autunno e in primavera.
Da questa consapevolezza e dalla necessità di alcune donne di vivere delle purificazioni insieme ad altre compagne, nasce Lunar Detox, un connubio di pratiche vissute in sorellanza per prenderci cura di alcuni fondamentali aspetti della Shakti (energia femminile).
[…]

Il sogno come processo trasformativo multidimensionale oltre l’interpretazione. Intervista a Fariba Bogzaran

La scintilla con Fariba Bogzaran è scoccata dal nostro primo incontro: a SAND ci siamo conosciuti di persona tra i boschi e le colline verdi dell’Umbria e subito riconosciuti per la semplicità e il calore umano che ci accomuna. Artista geniale votata all’esplorazione della coscienza attraverso le arti visuali, scienziata dall’approccio olistico con quasi quaranta anni di esperienza internazionale, docente e fondatrice del programma di studi sul sogno dell’Università John Fitzgerald Kennedy di Berkeley in California, Fariba ci ha scosso nel profondo raccontandoci delle sue esperienze, del suo amore per l’oceano e per la natura selvaggia.
M – Come contribuiscono i sogni al processo naturale di realizzare l’interezza che siamo?
F – La via che si rivolge all’interezza è nella disposizione a riportare  tutte le parti all’unità. Non siamo divise nella mente, nel corpo, nelle emozioni, nella psiche, siamo esseri umani interi, ma in qualche modo il nostro sviluppo umano e determinate condizioni esterne lentamente ci rendono come separate da chi siamo e per il resto della nostra vita cerchiamo quell’interezza originaria. Quando nasce un bambino non pensa che il sogno e la veglia siano separati o che la natura e gli esseri umani siano divisi. Nasciamo come entità non duali e poi attraverso il nostro sviluppo diventiamo pensatori dualistici. Naturalmente il mondo non è fuso insieme, ma la sensazione vitale, il “felt sense” di essere connessi alla profondità dei nostri mondi interiori e del nostro ambiente naturale è essenziale per la prospettiva dell’interezza.
[…]

Le meraviglie del pianeta verde

“Sono cresciuta con la paura di annegare nel mio letto”
– Mitzi Tan dalle Filippine
Con queste parole una ragazza di 23 anni ha raccontato cos’è per lei l’ansia per la crisi climatica. E non è l’unica. Per milioni di giovani l’ansia legata al surriscaldamento del pianeta colpisce direttamente la quotidianità, il modo di giocare, mangiare, studiare […]

Rimani in contatto

Per rimanere in contatto con noi e ricevere  informazioni sugli ultimi articoli, video, webinar ed iniziative pubbliche che proponiamo lascia qui la tua email.
Holler Box