About nade diamanti

This author has not yet filled in any details.
So far has created 109 blog entries.

(Italiano) Meraviglia!

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Fin dall’inizio la Vita è libera
è libera da tutte le costruzioni concettuali
è libera dai nostri perché e che cosa
Più abiti le percezioni sensoriali
meno […]

(Italiano) Antiche saggezze

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Le antiche saggezze sono sepolte e dimenticate nei monasteri, le opere di Galeno, il canone di Avicenna, le opere di Maimonide, di Ildegarda di Bingen sono state, dimenticate.

E così è stata dimenticata la subtilitas, il campo energetico di minerali, piante, animali… Il segno che il creatore ha messo su ogni pianta. Il segno che ricorda le parti del corpo umano per trovare il rimedio.

Nel corso dei millenni l’uomo è sempre stato attratto, affascinato, talvolta ossessionato da due forze che i mistici chiamavano trascendenza ed immanenza. I filosofi spirito e materia. E i poeti  terra e cielo.

[…]

(Italiano) Amore come potere di cura

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

“Cos’è la vita senza lo splendore dell’amore?”

Friedrich Schiller

 

Le antiche tradizioni  hanno sempre riconosciuto l’importanza della mente, del corpo e dello spirito. La salute […]

(Italiano) Le Siddhi Femminili come sadhana per la Terra

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

In un verde bosco dell’entroterra Portoghese ho intervistato Uma Dinsmore Tuli, donna, madre, yogini, ricercatrice, e raccontastorie. Siamo state una settimana con altre […]

(Italiano) Non devo ma posso – empowerement dopo il trauma sessuale

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La stessa esperienza vissuta in due modalità diverse. In una siamo obbligati a fare una cosa nell’altra scegliamo di volerlo fare.
Cosa cambia? La […]

(Italiano) Bagni di vapore : esperienza con le donne che hanno sofferto di un trauma

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Negli ultimi anni di ricerche ed esperienza con i bagni di vapore (o vapori vaginali, o yoni steams) ho potuto osservare da vicino […]

(Italiano) Yoni Egg – Portare la Terra in te

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il segreto dell’utilizzo delle preziosissime pietre di Giada sembra risalire a circa 5000 anni fa in Cina. Su questo dato vi sono delle […]

(Italiano) Epigenetica ed imprinting di nascità

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Potremmo immaginare ancora oggi di essere influenzati da una sensazione vissuta quando eravamo nel grembo di nostra madre? Questo potrebbe sembrarci assolutamente impossibile […]

(Italiano) Le emozioni, le sensazioni corporee e la “Matrix vivente”

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

L’importanza del corpo è enorme; è la nostra realtà fisica. Quindi forse sarebbe ora che riconoscessimo non solo che “non esiste alcuna funzione umana che non coinvolga sia il cervello che il contesto sociale” [1], ma anche che certamente non esiste alcuna funzione umana che non coinvolga anche i nostri corpi e tutto ciò che questo implica. E potremmo chiederci che cosa implica in realtà? La scienza in generale è stata interessata a un mondo “là fuori”. Tuttavia, in gran parte a causa della fisica quantistica, la coscienza, la consapevolezza, l’esperienza interiore e la percezione umana vengono ora presi sul serio in molti campi di studio come la psicologia transpersonale, l’antropologia e la neuroscienza. […]

Transforming the seed

If you are a young couple who wants a child, being sexually fertile is not enough. If you want your child to one day stand out in a crowd, you need to nurture the quality of your fertility. This ‘nurturing’ is not like saving money in a bank account. You identify and explore the power of creativity. At the physical level it could be the seed and the ovum that lead to a human baby. At the mental level it could be a will that starts a revolution. At the emotional level it could be a passion that makes one offer his life on a cross. At the intellectual level it could be an inspiration that may compel someone to compose a great epic or discover a new metaphysical possibility. At the spiritual level it could be compassion that may lead our civilisation to a higher level of consciousness. And that gives us a glimpse of BRAHMACHARYA, a word that does not have an English equivalent. “Celibacy’ is not only a poor substitute but totally misleading. ‘Self control’ is akin to suppression that invariably leads to complex personal and social problems. ‘Restraint’ is a better word but is still too far from the target. Starting from puberty the instinctive character of our vital energy is to flow downwards. That is the natural precondition of our physical reproduction. But the urge to evolve is a stronger motivation for many. The art of Brahmacharya teaches us not only to stem the downward tide but to reverse the flow back towards the Source. The force behind any sexual instinct is a deep rooted desire to unite. But the pleasure that we derive from a physical intercourse is merely an adulterated drop of the vast ocean of pure ecstasy that we experience in the Pineal. There are degrees in this process. For a sincere monk the rules may be strict. For a householder they are more flexible. But our Rishis advise us against overindulgence. Do not turn sex into a sport. Treat it with respect and humility. Explore it either for your sadhana or to bring evolved offsprings on this planet. Overindulgence in youth weakens the potency of the seed and the health of the ovary. When we try to understand our drive for union we are not only talking about the mating instincts of a man and a woman. We are also talking about an artist and his sculpture, an artisan and his craft, a scientist and his experiment, an athlete and his practice, a mother and her child, a chef and his innovation, a meditator and his consciousness, a devotee and the divine

(Italiano) Dono dunque sono

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Recentemente mi sono occupato di dono e condivisione (Contro la gerarchia e il dominio, Meltemi 2018) perché credo siano due relazioni sociali ed economiche fondamentali per l’essere umano e non solo. In moltissime società disseminate in giro per il globo per centinaia di anni abbiamo vissuto senza il capitale, ma soprattutto senza la necessità di possedere, accumulare, vendere o comprare.
[…]

(Italiano) Varcare la soglia del risveglio

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

“Siamo tutti prigionieri della nostra mente”, ammonisce Ram Dass, “accorgersene è il primo passo verso la liberazione”, la Realtà ordinaria è illusoria, sostiene il buddismo: “ L’essenziale è invisibile agli occhi” recita il Piccolo Principe di Saint Exupèry, dobbiamo tenere a bada i predatori della  prima attenzione, insegna Don Juan a Castaneda.
[…]

(Italiano) Come il telo bianco del cinema

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Che cos’è essere coscienza?
Personalmente non è una domanda a cui so dare una risposta, soprattutto a parole, eppure credo si possa ricollegare a […]

(Italiano) Il Cerchio della Vita

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Chi non ricorda “Il re Leone” !?

Quel cerchio della Vita che è alleanza, unità, condivisione profonda dell’amore, principio vitale di ogni manifestazione.
E nella giungla animata del re Leone come nei più remoti luoghi del mondo ogni essere è parte essenziale ed unica della catena dell’esistenza, dell’organismo umanità, della Vita.
 
Questi nostri tempi di separazione, di assoluto narcisismo ed ego prevaricatore, cieco e autoritario negano, al contrario, ogni sentimento che cerchi di riparare l’assenza e la non partecipazione divenuta oramai realtà sociale e umana.
 
Negazione di essere, dell’essere, preferendo un apparire più conosciuto che non ci disilluda e premi costantemente i nostri sforzi.

Dare e ricevere sono oramai divenuti merce di scambio e non libero riconoscersi simili e ugualmente destinati a offrire e a ricevere offerta.
Nel Cerchio della Vita, nella infinita catena della Creazione ogni essere riconosce ogni altro essere senza imporsi in una naturale gerarchia distribuita equamente perche’ ognuno dia il suo contributo
L’essere umano, al contrario, si pone per diritto e proprietà  acquisite per possesso e rivendicazione come specie migliore esistente sul pianeta!
Al vertice di una possibile piramide rivendicherebbe il suo diritto come il predatore assoluto!
Lo rivendica di fatto e in nome di questo compie lo scempio assoluto.
E il resto della piramide, ovviamente, ogni altra creatura che ne fa parte, lo servirà e lo manterra’ in questo suo status quo.
Beh… in quel Cerchio della Vita, Walt Disney docet…! ognuno è profondamente parte del tutto, al servizio di ogni altro essere, in una interconnessione unica e spettacolarmente sensibile e intelligente.
Questo accade alle piante e agli anima li, al regno vegetale, all’equo scambio tra Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Spazio.
Un movimento, un architettura magnifica nei suoi ritmi, accenti, sospensioni, arpeggi, glissandi, cadute e riprese.
Ben lo insegna lo sciamano al piccolo nuovo nato, il futuro re Leone: come aver cura di tutto e di tutti, come saper regnare mantenendo saggezza, equanimità e senso della giustizia onorando e rispettando ogni specie e le sue caratteristiche.
Ognuno e’ parte di questo Mandala e muove la sua danza in contributo al Tutto di cui e’ parte.

Al servizio di ogni altra creatura, al servizio del pianeta che siamo.
Selfless service…per chi ha frequentazioni yogiche il principio è chiaro.
Bene…ma per chi ignora cosa sia lo yoga nel suo profondo senso di armonia ed equilibrio nella Natura delle cose!?
Ecco allora che la piramide vacilla inviando segni di pericoloso squilibrio gerarchico!
Chi mi garantisce che funzionerà…
Chi mi assicura che ogni sforzo sarà premiato?
Chi mi difenderà e assicurerà una vita serena e senza ostacoli?
E che ne sara’ dei miei beni accumulati vita facendo…
Spirali impazzite di consumismo, follia, pretesa, vittimismo, potere
E il vortice si contrae sempre più aumentando la velocità di caduta di pensieri, intenzioni, azioni in un ingorgo di incomprensioni, omissioni, rivalse, vendette.

Ma la ruota gira, gira sempre e il vento cambia spesso le sue direzioni, a volte senza alcun preavviso.
E quando accade non sempre siamo pronti al cambiamento, ma il cambiamento si, al contrario, è sempre pronto e sa quando accadere.
Salire salire sempre più in escalation defraudando la vita stessa e le sue leggi sacre non darà buoni risultati ancora.
La confort zone costruita nei tempi non regge più, fa acqua da tutte le parti.

Per contro la disconfort zone, percorso non battuto, irregolare, non conosciuto, si presenta sempre in occasioni di grandi cambiamenti e non da preavviso, a parte qualche segnale che cerca di rubarci l’attenzione!
Si muove continuamente con assestamenti repentini e mai regolari, portando a revisioni periodiche emotive e momenti di timore reverenziale.
Apparentemente  un delirio che invece si rivela essere sempre una grande alleata, cercando di svegliare le nostre coscienze assopite, riattivare una sana consapevolezza  dandoci, se necessario, una spinta per farci crescere velocemente senza perdersi in inutili diversioni!
Siamo esseri in continuo divenire, e seguiamo il fluire ora morbido ora deciso di un eterno cambiamento che continua a proporsi in altre differenze e altro che già non siamo e conosciamo.
Radicati e in volo, densi e aerei.
L’equilibrio sta nel restare sospesi in attenzione, mirabili funamboli del vuoto che ci ricorda chi siamo Forme in eterno divenire……
Quando le polarità si incontrano un alchimia mistica e materica accade e si crea una danza segreta e antica
La Danza della Vita nella sua più  pura essenza
Essere e non essere…questo non è infine affatto il problema!

Ma nel sogno che abbiamo creato ancora una volta ci siamo dimenticati di respirare, si, respirare.
Quel respiro, forza vitale, quell’onda che muove la vita e la anima in un ritmico e naturale espandersi e contrarsi.
Ogni respiro è già futuro nel presente.
Ma la realtà creata addosso si rivela invece un vero cul de sac!
Pare impossibile uscirne eppure se ne parla tanto.
Se ne discute con ottime intenzioni ma c’è molto disorientamento e dispersione.
Questa nostra realtà ci veste stretta ed attillata, troppo attillata.
La via al cambiamento porta con se paura, un vuoto che teme di perdere quello che e’ stato creato verso un Nuovo che non e’ conoscibile!
Abbiamo perso il senso della nostra origine, della nostra forza nel poter trasformare e modificare.
Ma la Luce comunque resta e resterà sempre e ancora Luce.
E il mistero della Vita chiede di essere riconosciuto senza essere di nuovo imbrigliato in false credenze.
E noi siamo questa Luce e sempre lo saremo.
Il nuovo Cerchio della Vita chiede coraggio e cuore aperto, fiducia e solidarietà.
Nulla ci promette nulla ma tutto ci invita ad avere fede che quella Memoria che siamo, siamo stati, saremo
La vita che siamo sa bene come danzare questa nuova Saga…

Hakuna Matata!

Sabina Cesaroni

[…]

THE VITAL IMPORTANCE OF THE PAUSE

When we are engaged in exploring life and its movement in continuity. . . we meet the great mediator between the In and the Out,  the expanse and the contract which is . . . the PAUSE. Pause is the non-action from which all action is born, the mother of the flow, the subtle pulsing […]