(Italiano) Pensieri e convinzioni

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Un uomo ha detto: “Non credo che ci sia alcun Dio”.

Maharaj – Non importa davvero cosa pensi. Il tuo pensiero non rende Dio una realtà. Né il tuo pensiero rende Dio un’irrealtà. Infatti, fintanto che stiamo “pensando” ci neghiamo la grazia del “sapere”. Svuota il tuo recipiente e aspetta.

Uomo – Aspetta cosa?

Maharaj – Se te lo dico, allora questo diventa il tuo Dio, un altro frutto della tua immaginazione. Basta svuotare il tuo contenitore, che include perdere la tua identità. Quando dici che “pensi” che Dio non esiste, di quale Dio stai parlando? Stai parlando di un Dio potente e arrabbiato che crea il paradiso, la terra e l’inferno e presiede ai nostri peccati e al pentimento? Stai parlando di un legislatore informe che redige una costituzione di comandi e regole? Stai parlando di un suonatore di flauto che balla e suona con le mogli di altri uomini? Stai parlando di un Dio passivo “testimone” che non partecipa al campo da gioco cosmico?

L’uomo –  Non credo in nessuno di loro.

Maharaj – La tua posizione è ignorante quanto quella del credente. Non sai niente di quello che pensi non ci sia. In altre parole, non sai cosa non credi. Così come il credente non sa cosa crede. Credere in Dio non è una precondizione per la nostra ricerca spirituale. La tua idea di Dio può essere un’ipotesi o una motivazione, niente di più, niente di meno. Un’idea non sarà mai la Verità, ma può condurti alla Verità se sei pronto a scartare l’idea non appena avrà scontato il suo tempo. Anche se la Verità sfida la definizione, il meglio che possiamo dire è che siamo Pura Coscienza. La metafisica oggi è alle prese con un dilemma, il cervello umano crea coscienza? O il cervello è semplicemente uno strumento per la coscienza di esprimersi? Puoi, se sei abbastanza disperato, cercare una risposta nel profondo di te stesso senza preoccuparti di un Dio creatore che giudica. Ma l’umanità è guidata più dalle emozioni che dall’intelletto. Anche i nostri pensieri si nutrono del letto delle emozioni. Il nostro Gurumaharaj, Swami Paramananda ha detto: “Dietro ogni Movimento c’è Emozione”.

Ma la Pura Coscienza è un’astrazione sfuggente per la nostra limitata capacità di “pensare”. Quindi la maggior parte dei Pensatori non finisce da nessuna parte, può semplicemente curvare le teorie e le conclusioni provvisorie. Chi discerne ha maggiori possibilità perché elimina l’ “apparente” del percepire la Realtà. Ma apprezzerai sicuramente che il percorso del Discernimento, sebbene estremamente razionale e secolare, non è per tutti. Solo pochi rari possono percorrere il sentiero. La maggior parte di noi ha bisogno di amare e bruciare, esultare e gioire, ballare e cantare, ridere e versare lacrime. È qui che entra in gioco un Dio “personale”. Per il devoto o un credente l ‘”informe” è una “forma”, una relazione, un’intimità, un rifugio, una ventilazione psicologica. Quindi, esiste un Dio così personale? Al devoto, sì. Lo acceca? O gli apre gli occhi? Dipende da lui e dai suoi mentori spirituali. Forse l’idea non ti piace, ma non ha molta importanza. Il tuo ruolo non è giudicare il mondo, ma percorrere il tuo percorso consapevolmente, secondo la tua natura, per realizzare il tuo meraviglioso e unico potenziale. E il mondo si prenderà cura di se stesso, per volontà di Dio.

Joydeep

joydeepsea@yahoo.com

Joy Deep Italia

www.maramia.org.in

Leave A Comment

(Italiano) Rimani in contatto

Per rimanere in contatto con noi e ricevere  informazioni sugli ultimi articoli, video, webinar ed iniziative pubbliche che proponiamo lascia qui la tua email.
Holler Box