Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

In una delle prime serate in cui le lunghe ore di sole della nuova stagione estiva illuminano le rovine di S. Maria in passione nel centro storico di Genova, a due passi dalla facoltà di Architettura, abbiamo organizzato la conferenza “Sessualità Autentica” con Adriana Giammaria, educatrice sessuale somatica.

Dopo gli incontri degli anni passati con Homaya Amar, Luigi Jannarone, Pietro Thea, Swami Joythimayananda, Pier Luigi Lattuada, Sabina Cesaroni, Claudia Panico, Dominique Dégranges, Paola Battocchio, Joydeep e tanti altri tra i collaboratori del progetto Matrika Consciousness Development, questa volta per lo spazio fisico che ci ospitava abbiamo collaborato con una realtà autogestita che da alcuni anni vive e fa vivere quella che è diventata la “Libera Collina di Castello”.

Sono intervenute circa sessanta persone che dapprima hanno ascoltato l’introduzione del biologo Jerry Diamanti che ha esposto informazioni all’avanguardia sul ruolo del sistema nervoso autonomo nell’esperienza dell’intimità e della sessualità. Ispirato da studi filogenetici e neurofisiologici basati sulla teoria polivagale di Stephen Porges, il suo intervento ha voluto fare luce sulla componente autonomica che caratterizza e differenzia nell’atto sessuale l’anatomia maschile e quella femminile.

Nell’erezione maschile la branca del sistema nervoso coinvolta prevalentemente è quella del simpatico, la stessa che nei maschi del resto dei mammiferi spinge spesso a combattimenti fino alla morte prima della riproduzione. Apprendere questo particolare potrebbe essere di poco interesse se non fosse integrato alle attuali comprensioni sulle diversità filogenetiche tra l’essere umano e gli altri animali. Il nervo vago ventrale che si sviluppa nei primi mesi di vita se stimolato da adeguate cure parentali e dinamiche di attaccamento appropriate, genera la possibilità per l’uomo di ascoltare e modulare i propri impulsi di aggressività e rabbia per tutta la vita, disinnescando la cultura patriarcale dominante e gestendo con consapevolezza il rapporto con il\la suo\a partner anche durante la sessualità.

I millenni di sopraffazione subiti dalla donna in Italia sono stati caratterizzati dall’imposizione della “verginità” prima del matrimonio, con quasi totale assenza d’informazioni circa il menarca e la cura del corpo in ogni sua parte, spesso considerato addirittura impuro e peccaminoso. Erano le famiglie che decidevano chi dei loro figli e figlie si poteva sposare e con chi, per cui spesso le coppie di futuri genitori erano tra loro dei “perfetti sconosciuti”.  Per generazioni la procreazione non è stata frutto di amore: la donna infatti non poteva mostrare di provare piacere dall’atto sessuale e non le era assolutamente permesso di rifiutare un rapporto richiesto dal marito, pena la violenza fisica o l’abbandono.

Una breve spiegazione della correlazione tra trasmissione transgenerazionale del trauma e risvolti epigenetici secolari legati ad imprinting di paura, traumi o disregolazione emozionale delle mamme in gravidanza, ha coinvolto i presenti nella riflessione sulle influenze profonde tra sessualità e assenza di empatia e condivisione nelle attuali culture basate sulla tecnologia e sulla mercificazione delle esperienze.

L’approccio di Adriana Giammaria, più legato alla potenzialità del piacere nell’alimentare la nostra salute nel  presente, è stato giocoso ed esperienziale, coinvolgendo le\gli astanti in pratiche di consapevolezza ed esercizi in piccoli gruppi in cui abbiamo sperimentato la verbalizzazione e la percezione somatica emersa da tematiche legate alla sessualità, che in genere sono inibite dai condizionamenti delle culture repressive ancora striscianti al giorno d’oggi.

Potete trovare l’intervista “Full Embodiement: essere qui nel corpo, incarnare il presente” rilasciata dalla psicoterapeuta americana e docente di Somatic Experiencing Ariel Giarretto, in occasione di un seminario sul trauma sessuale tenuto nel 2016 a Milano. Di Adriana Giammaria sempre su Matrika trovate “Sexological Bodywork: un percorso verso la sessualità consapevole” e “Sessualità e consenso consapevole“. Mentre di Jerry Diamanti consigliamo “Società e traumi evolutivi“, “Incontriamo insieme la paura” e “Spazio vitale, confini e influenze subcorticali“.

Buona lettura!