Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Mi chiamo Francisco e da anni la mia evoluzione si accompagna con l’ampliamento della mia percezione. Sono stato conquistato dal desiderio di operare per risanare i luoghi degradati, disarmonici e sofferenti che incontravo e così sono andato sperimentando strumenti e atteggiamenti per poter operare consapevolmente in un luogo. Prima di iniziare è necessario fare un lavoro su noi stessi: trovare una certa quiete interiore per poi aprirci ad ogni segnale peculiare del luogo. Impariamo a “percepire” ogni cambiamento e stimolo che altera il nostro ascolto: sia i segnali dei sensi fisici che quelli dei sensi interiori. Quali sensazioni nel corpo? Quale stimolo a muoversi? Quali particolari spiccano nel panorama? Vien voglia di danzare? Formicolii, tensioni, sensazioni di leggerezza o pesantezza? Quale umore o emozione ci avvolge? Quali pensieri sovvengono? Quali immagini o fantasie si propongono?

foto 2 piedi nudi

Nella mia esperienza ho notato in una prima fase i cambiamenti emotivi che il luogo suggeriva. Sono cambiamenti emotivi che si manifestano anche con “sintomi” sul mio corpo (solletichio, fitte o pruriti ecc.) che cessano appena lasciato il luogo. Utile mettersi scalzi e assaporare come bambini le superfici e le sensazioni tattili che massaggiano le nostre parti intuitive. Dopo una prima esplorazione usando il corpo come strumento percettivo, trovo molto utile escludere progressivamente i sensi fisici, in particolare chiudere gli occhi che monopolizzano la nostra mente. Ricordati che la luce visibile all’occhio è solo una parte dell’intero spettro luminoso, dunque è ben possibile che, con una vista più raffinata, si possano “vedere” altri dettagli e presenze in un luogo. Dopotutto l”’essenziale è invisibile agli occhi”. E le dimensioni invisibili del paesaggio e dei nostri stessi corpi (ne abbiamo più d’uno sai?) sono davvero essenziali per comprendere dove siamo e chi siamo.

foto 3 piccolo principe

Nei primi anni di questa “percezione aumentata” dovevo affrontare due avversari temibili: la paura di aprire la porta a qualcosa di terribile e che avrebbe sconvolto la mia mente facendomi magari impazzire; la sfiducia in me stesso, la tendenza a sminuire tutto ciò che percepivo per pochi istanti e poi scompariva nel flusso “ordinario” della vita. Col tempo ho imparato a filtrare le mie percezioni per imparare a sintonizzarsi su certe frequenze o bloccarle quando disturbano. Ho imparato a fidarmi di ciò che ricevevo, ricordando sempre la possibilità di tornare a verificare la percezione di un luogo se avevo dubbi. Ci vuole esercizio, poca teoria e molta applicazione. Bisogna formarsi dentro un alfabeto delle percezioni e capire come, ognuno secondo il proprio codice corporeo, decodifica un certo messaggio-frequenza con un sintomo, es. il prurito al naso o l’acufene significano presenza di una certa energia o predisposizione del luogo in esame.

foto 4 offerte al custode nanico

Bisogna imparare a contemplare coi sensi esteriori e poi interiori un luogo senza perdersi dentro la propria mente e percezione separata. Ciò che conta più di tutto è l’Intento con cui ci si rivolge all’ascolto e la capacità di accogliere la risposta a questo intento. Un maestro sui primi passi del rapporto con gli alberi una volta mi richiamò: “non basta parlare agli alberi! Ascoltali anche!”. Per accogliere le risposte bisogna imparare a creare degli istanti di sospensione, di verso Ascolto al Silenzio. Nel mio libro “La forma dell’acqua, pellegrinaggio a risalire la Brenta 2012” avevo elencato alcuni esercizi di “ascolto elementare”, piccoli inviti a mettere momentaneamente da parte la percezione dell’adulto per ritrovare quella giocosa e intuitiva del bimbo. Tutto può essere utile ma niente è indispensabile perchè a mio modo di sentire ciascuno di noi, se lo vuole davvero, può raggiungere uno stato di calma interiore che lo metta in grado di riconoscere la “realtà aumentata” attorno a noi. Perchè in verità non siamo mai soli. Questo lo capiscono intuitivamente coloro che amano la natura e vi si perdono in solitarie passeggiate, ma è vero altresì in luoghi artificiali con forti componenti tecnologiche o architettoniche, per macchinari complessi o reti informatiche. Tutto ciò che esiste fisicamente su questo pianeta ha anche parti emotive, mentali e spirituali con cui si può relazionare.

foto 5 rami del grande alberoOltrepassa la soglia della percezione limitata. Le esitazioni sono resistenza. Quando si decide di aprire la porta delle percezioni bisogna farlo, punto e basta, senza distinguo, accogliendo e imparando poi a riordinare la “realtà aumentata” che trova modo di esprimersi. Se ti senti sperduto e senza protezioni puoi chiedere momentanea protezione ad una guida spirituale che tu riconosci come tale, oppure metterti in contatto con me per un consiglio o una collaborazione ai GASP (Gruppi di Azione Sul Paesaggio). Il lavoro di gruppo, incluso il confronto tra più persone, sulla percezione e poi l’azione di risanamento utile ad un certo luogo è stata per me una sfida e una scoperta che si è resa sempre più necessaria e ricca. Nell’inverno 2014-2015 ho tenuto otto repliche di una conferenza intitolata “Geomanzia e Democrazia. Le dimensioni invisibili del paesaggio” in Veneto, Trentino e Lombardia. Era necessario per me condividere la visione che stavo elaborando e arricchirla per poi passare ad una fase sperimentale su scala più ampia, i cui primi frutti verranno a breve presentati su un piccolo libro intitolato “Il paesaggio emotivo” a cui sto lavorando. Buona evoluzione verde!

Francisco Merli Panteghini

mediatorelementare@gmail.com

www.geomanzia.it