Per un cittadino moderno, niente potrebbe sembrare più spaventoso del tentativo di inserirsi in un “villaggio tradizionale”: vincolato alle convenzioni, meschino, forzatamente uniforme … in qualche modo già morto.

Pensare di entrare in un villaggio ti fa paura perché stai cercando di fare una cosa nuova (unirti a un villaggio, diventare un abitante del villaggio) usando una struttura di pensiero molto vecchia (gli insegnamenti sulla realtà come ti sono stati insegnati dalla cultura moderna). Prima ancora di pensare a come sarebbe per te vivere in un villaggio o in una comunità intenzionale, potrebbe essere saggio osservare il tuo modello di pensiero, cioè aggiornare le strutture che stai usando per pensare. La scuola ti ha insegnato a cosa pensare. Questo è il contenuto del curriculum. I circuiti cognitivi (toughtware) sono ciò con cui pensi.

Guarda la storia della cultura umana, l’evoluzione lenta e sporadica:

  • dalle culture “bambine” del matriarcato in cui Madre Terra ha fornito tutto per oltre 100.000 anni

  •  a 6000 anni fa, quando le culture me-me-me “adolescenti” dell’impero patriarcale capitalista presero il sopravvento

  • fino al giorno d’oggi, all’emergere di culture di responsabilità di livello “adulto ” … Culture nuove … Le culture dell’archearchy

Le iniziazioni dei villaggi indigeni ti assoggettano in modo assoluto alle tradizioni del villaggio. Le tradizioni ti dicono cosa mangiare e quando mangiarlo, cosa indossare, cosa significa ogni parte dei tuoi vestiti, come avere i tuoi capelli, che tipo di casa costruire, come coltivare il tuo cibo, quali ricette usare, quali rituali fare in quali periodi dell’anno, come vivere e come morire. Man mano che vieni rapito per diventare un cittadino “adulto” in un villaggio indigeno, perdi l’opportunità di esplorare ed espandere il tuo potenziale individuale. Tutte le scelte sono già state fatte dalle tradizioni del villaggio e dagli anziani, prima ancora che tu nascessi. Il villaggio vince. Hai perso. Questo non è un villaggio di nuova cultura. Questo è un villaggio indigeno. Le culture dei villaggi indigeni funzionano bene in condizioni ambientali stabili, ma non si adattano bene ai cambiamenti e non risolvono le guerre tribali causate dal sistema di credenze cultura-cultura (‘scatola-scatola‘) e dai conflitti di visione del mondo, che imperversano , forse come forma di controllo della popolazione.

Seimila anni fa, la cultura moderna bandì le iniziazioni. Le tradizioni indigene venivano derise come artefatti pittoreschi, definiti sciocchi e privi di significato. Attraverso il ridicolo cinico e arrogante, la cultura moderna ha gradualmente eliminato il villaggio, le tradizioni, gli anziani, la famiglia multigenerazionale, persino la famiglia nucleare, sostituendo tutto ciò con singoli consumatori isolati e “famiglie sitcom patchwork”. Sì, la cultura moderna è riuscita a sfuggire alla sottomissione dell’ego personale alla volontà del villaggio e degli antenati. Il risultato è che nella cultura moderna il villaggio perde e la psiche individuale vince. La personalità vince. L’individualismo rude e paranoico, la disperazione e l’isolamento vincono. La psicopatia non viene riconosciuta e punta ai vertici perché la psicopatia scala meglio la gerarchia. Questo non ha funzionato bene per la Terra, di cui l’umanità è solo una nuova specie, potenzialmente interessante, ma che ne perde rapidamente il favore.

Culture nuove, le culture “archearchy” sono culture in cui donne adulte iniziate archetipicamente collaborano creativamente con uomini adulti iniziati archetipicamente. Archearchy ripristina la circolarità del villaggio, ma in un contesto diverso, questa volta con nulla di preesistente al centro del cerchio. Non ci sono tradizioni tramandate di generazione in generazione. Non esiste un “modo giusto” conosciuto. La via deve essere continuamente inventata dagli abitanti del villaggio. Sono necessarie la forza creativa e l’intelligenza di ogni individuo che fornisce i servizi del proprio Lignaggio Archetipico al villaggio. Nuovi tipi di iniziazioni della Nuova Cultura attivano risorse interne ed esterne uniche in ogni persona in modo che questi\e possano fare ciò per cui sono venuti\e al mondo. Non ci sono più gerarchie. La struttura del villaggio archearchico è il Torus, un cerchio di cerchi circolanti. Utilizzando Torus Meeting Technologies, sia l’individuo vince SIA il villaggio vince mentre il Torus inspira ed espira. Questo è un aggiornamento rivoluzionario del pensiero.

Sebbene una persona istruita nel modello culturale dominante  riuscisse anche trovare la sua strada ai margini della cultura moderna (“Ha margini?!?”) e si trovasse poi a confrontarsi visceralmente con la verità assolutamente disperata, miserabile, umiliante e disgraziata del cambiamento climatico e del conseguente imminente collasso della civiltà PRIMA che possa scoprire la possibilità – e possa impegnarsi a – un percorso di autentiche iniziazioni nell’età adulta, essa stessa crollerrebbe e diventerebbe una sorta di “Condannata”. Il suo futuro le è stato rubato e non ha la resilienza per affrontarlo. E’ stata tradita nella fiducia che la società in generale si sarebbe presa cura di lei, e di conseguenza potrebbe voler togliersi di mezzo (suicidandosi per sentirsi così stupida da aver creduto in questo) o togliere di mezzo la società (usando azioni terroristiche). O potrebbe incontrare al più la depressione, l’incredulità, la confusione e la disperazione.

Se sei una persona della cultura moderna (o una persona di cultura indigena!) trovi e inizi effettivamente – non pensi solo ad iniziare ma inizi realmente – un percorso di autentica età adulta e iniziazioni archetipiche, allora quando scopri le forze devastanti che decimano seriamente il futuro che pensavi di avere, invece di sentirti schiacciato, senti emergere la libertà che dà il potere di uno spazio di gioco radicalmente nuovo. L’orizzonte degli eventi svanisce improvvisamente in lontananza. Hai spazio per muoverti.

La cosa più difficile da cambiare o da cui fuggire è lo status quo, o lo status quo dentro di te come abitudini di percezione, interpretazione e conoscenza – o lo status quo al di fuori di te stesso come pressioni sociali, Zombismi e schemi di fanatismo di assunzione inconscia. Ecco la sorpresa: il cambiamento climatico demolisce tutto, sia dentro di te che fuori di te. L’intera faccenda – tutto ciò che è stato inventato fino ad ora – non è più valida. Lo Stato di diritto della civiltà occidentale è nullo perché è il percorso più veloce verso l’estinzione della vita sulla Terra. Chiunque segua lo Stato di diritto della civiltà occidentale è criminalmente pazzo. Chiunque applichi lo Stato di diritto della civiltà occidentale ha già perso la vita. Nulla finora inventato funziona più. Ogni singolo elemento della vita umana sul pianeta Terra deve essere reinventato da zero per adattarsi alle condizioni radicalmente diverse. La tua inventiva è richiesta.

La Nuova Cultura  tende ad applicare un approccio diverso basato sulla rivendicazione dell’autorità in un contesto di responsabilità radicale per la Possibilità. NON si tratta di “pensare magicamente”, “Ciò che credo sia possibile è possibile”.

Questa NON è la filosofia di The Secret. In architettura, la possibilità è interagita con una forza della natura, ciò di cui George Bernhard Shaw ha scritto con le sue parole: “Questa è la vera gioia nella vita, l’essere strumenti per uno scopo [che è] riconosciuto da te come potente; essere una forza della natura invece di una piccola zolla febbrile ed egoista di disturbi e rancori che si lamenta che il mondo non si dedicherà a renderti felice.”

Archearchy vede la possibilità come un “Principio Luminoso“, un aspetto della materia grezza di cui l’universo è fatto. Gli Esseri Umani sono disegnati per interagire direttamente con i domini archetipici. Questo è il motivo per cui possiamo relazionarci a storie e leggende di “supereroi”. Eppure il contesto di Possibilità è così diverso dal contesto di analisi e comprensione che a confronto può sembrare inizialmente incomprensibile. L’iniziazione dell’età adulta nel contesto della Possibilità implica un effettivo trasferimento del tuo “Punto di Origine”.

Il tuo “Punto di Origine” è il luogo in cui hai ancorato la tua immagine di te e la validità della tua visione del mondo – presumibilmente un luogo solido e reale, ma in realtà, piuttosto fragile e arbitrario. Riposizionare il proprio punto di origine nel passaggio all’archearchy non è teorico. La tua ambita formula segreta per “come vivere la vita” come una Fenice trasmuta in qualcosa di completamente nuovo. Se ti sei mai trasferito da una città all’altra, potresti ricordare il periodo di transizione come un’esilarante libertà dai confini materiali di un singolo luogo (essere “sulla strada”), combinato con il terrore esilarante di non avere veramente il controllo su come ti inserirai in un nuovo punto di origine nel tuo nuovo posto.

Mantenere un allegro rispetto per i disagi naturali correlati al tuo cosiddetto Stato Liquido tra un solido punto di origine e un altro solido punto di origine, ti aiuta a costruire la matrice per diventare un’Essere della Nuova Cultura in un villaggio in cui si coopera tra precursori del cambiamento.

Allora il villaggio può avere senso. La tua squadra di abitanti del villaggio è lì per aiutarti a sviluppare i talenti e i tuoi potenziali personali perché, per quanto strani possano sembrare nella cultura moderna, i tuoi talenti e potenziali personali sono necessari a tutti nel villaggio, attivi e diffusi. Benvenuto nel tuo villaggio in Archearchy.

Clinton Callahan

www.clintoncallahan.org

Photo by Hudson Hintze