E – Nei principi dello Yoga di Patanjali, incontriamo la parola Dharana. Come spiegheresti questa parola?
R – Concezione. Un ricercatore spirituale è consapevole della sua ignoranza. Ha domande e dubbi. Frequenta satsang di insegnanti spirituali e legge libri sulla natura della vita. Con il passare del tempo sviluppa un'”idea” sulla realtà della vita. O meglio vede che è inutile cimentarsi con la non realtà. Questa informazione o conoscenza non lo soddisfa ma lo ispira a cercare dentro di sé. Questo è il concepimento.

E – Alcuni scrittori hanno usato la parola ‘concentrazione’ per tradurre dharana.
R – ‘Concetto’ e ‘concentrazione’ sono correlati. Senza concezione su cosa ti concentrerai? Qualcuno ti dice di concentrarti sulla figura di Shiva. Ma non sai chi o cosa sia Shiva. Qual è il significato del tridente, del serpente e della luna? In che modo la figura di Shiva è legata a chi sei? Qualcuno ti spiega i concetti di Shiva. E poi puoi concentrarti meglio. E sai perché ti stai concentrando per cominciare. Quelli che “de-concentrano” per esempio, in altre parole, quelli che ritirano la mente in uno stato di passività, anche questo è uno sforzo per essere soggettivi. Sono concentrati sul percorso. Ma senza il carburante del concepimento, la passività sarà presto persa.

Paramananda diceva: “Il concepimento è la base della percezione”. Percezione significa “esperienza diretta”. Diciamo che le donne “concepiscono” quando un uovo viene fecondato dallo sperma. Quel concepimento è seguito da un lungo periodo intimo di gravidanza, che è dhyana o meditazione. E alla fine sboccia una nuova vita. Un risveglio spirituale. Samadhi.

Joydeep

 

joydeepsea@yahoo.com

Joy Deep Italia

www.maramia.org.in

 

Photo by Rajesh Rajput