D: Nella tradizione del Kashmir, come viene vista la bellezza? Puoi dire che questo è bello, questo non è bello? Un corpo in decomposizione è bello o no?

A: Certo, un cadavere è molto bello. Ricordo un mio amico, molti anni fa, il primo giorno era tutto grigio, poi è diventato bianco, e poi verde… Ma in realtà, non parliamo di bellezza estetica in Kashmir. Parliamo della sensazione di bellezza. Abhinavagupta è molto chiaro al riguardo delle occasioni in cui vedi uno spettacolo bellissimo, non è la bellezza dello spettacolo che ti viene incontro, è la tua bellezza interiore che viene rivelata dallo spettacolo. Quindi in fondo la bellezza dello spettacolo, la puoi vedere solo ad occhi chiusi. E la bellezza non è qualcosa che vediamo, è un sentimento interiore, un senso di armonia. Quando viaggi, a volte vedi un cielo, ed è così bello che non puoi nemmeno dire che sia bello. È così. O a volte sei seduto con qualcuno e senti questa intimità e intensità, ed è bellissimo. Quindi è questa intensità che chiamiamo bellezza.

Certo, può manifestarsi a livello visivo o uditivo, ma solo in modo simbolico. Perché il bel corpo diventerà un corpo in decomposizione, e se guardi senza la mente psicologica, puoi vedere la bellezza in un corpo in decomposizione e in un corpo morto. Ma solo se lo vedi senza interferenze psicologiche.

Quindi, la bellezza è ovunque, ma ci sono alcuni modi in cui la bellezza ci tocca di più, e questo non è universale, dipende dalla cultura. Se ascoltiamo Bach, forse sentiremo bellezza, ma se lo suoni a qualcuno dell’Amazzonia, forse non gli piacerà così tanto. È lo stesso per la pittura, la scultura o qualsiasi altra arte. Quindi la bellezza appartiene alla cultura. Il modo in cui la bellezza si dipana dentro di noi dipende dalla nostra cultura. E alcune persone sono più aperte di altre. Possono essere stimolati da più culture rispetto ad altri. Alcune persone possono essere stimolate solo dalla propria cultura.

In ogni caso, nel Tantra sottolineiamo il fatto che quando vedi qualcosa di bello, che sia un uomo, una donna, una mucca, il sole, la luna, qualunque cosa, l’importante è chiudere gli occhi e sentire la bellezza. È molto importante. Come quando finisci di fare l’amore, chiudi gli occhi e senti la bellezza. Se quello che ti stimola è rubare un’auto rossa, ruba l’auto. Ma dopo aver rubato la macchina, chiudi gli occhi, naturalmente dopo aver fermato l’auto, e senti la bellezza.

La felicità non viene mai dalla situazione. Sembra solo che sia così. Quindi, in realtà, ciò che sembra portarci alla bellezza non ci porta alla bellezza. Ci riporta semplicemente alla nostra bellezza interiore. Quindi a un certo punto, quando ti rendi conto che nulla in quanto tale contiene bellezza, ma che tutto può riportarti alla tua bellezza, la spinta a vivere la tua vita alla ricerca della bellezza si ridurrà e poi si spegnerà. Quando smetti di cercare la bellezza, la sentirai sempre di più. Quando smetti di cercare piacere, felicità, provi piacere e felicità sempre di più.

Se cerco qualcosa, in un certo senso me ne vado. Se penso che la bellezza o la gioia siano in questa situazione, nel momento in cui la situazione finisce, ovviamente il piacere o la gioia se ne vanno. Ma quando provo la gioia della situazione, se mi viene insegnato a chiudere gli occhi, a chiudere tutti i miei sensi e a sentirla, molto presto vedrò che ogni situazione può portarmi a questa bellezza. E poi ci saranno sempre più momenti nella mia vita in cui la bellezza verrà da me. Mio marito dorme con qualcun altro, il mio amante è di cattivo umore, mio ​​figlio è malato e il mio corpo non sta meglio. Non ho soldi per pagare l’affitto e sto camminando per strada, ed ecco che arriva un momento di felicità, di gioia. Perché, non lo so. E quando inizi a provare momenti di gioia senza motivo, perdi ancora di più l’impulso a cercare la gioia in qualche motivo, in qualche situazione. E quando smetti di cercare la bellezza in una particolare direzione, la gioia arriverà sempre di più, da ogni parte.

Per questo nel Tantra non enfatizziamo la bellezza. Sottolineiamo la sensazione interiore di bellezza. E dimentichiamo ciò che è bello. Ciò che è bello può aiutarci a sentire questa bellezza, all’inizio. Non c’è niente di sbagliato nel guardare la luna, nel guardare il bello in qualunque cosa, nell’ascoltare la musica. Ma devo sapere che la bellezza è qui, la sento qui, nel mio cuore. Questo è molto importante e ci aiuterà a vedere in seguito che la bellezza è davvero ovunque. È la nostra mente borghese che dice che questo è brutto, questo è bello.

Da un satsang di Eric Baret pubblicato su SAND